LE SENTENZE

1 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Nel dissenso sii come il cammello di giovane et, che non ha n dorso da cavalcare n mammella da mungere


2 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Umilia se stesso chi, dentro di s, avido. Assente alla propria abiezione chi svela le sue afflizioni. Offende se stesso chi si fa dominare dalla sua lingua


3 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lavarizia infamia. La povert impedisce alla persona perspicace di esporre le sue ragioni. Il povero straniero persino nella propria citt


4 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lincapacit sventura. La pazienza coraggio. Il disinteresse per le cose del mondo ricchezza. Il timor di Dio uno scudo


5 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La sapienza una preziosa eredit. Le buone maniere sono un abito sontuoso, un fregio. Il pensiero uno specchio nitido


6 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il petto del saggio lo scrigno dei suoi segreti. Lilarit la trappola per catturare laffetto altrui. La sopportazione delle difficolt la tomba dei difetti. Chiedere per sapere il mezzo per coprire i difetti. Chi si compiace di se stesso, deve sapere che molte saranno le persone che si adireranno con lui


7 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La carit una medicina efficace. Le azioni che gli uomini compiono in questa vita saranno sotto i loro occhi in quella oltremondana


8 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Stupitevi di questo essere umano: vede con un pezzo di grasso, parla con un pezzo di carne, sente mediante un osso, e respira attraverso unapertura


9 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando il mondo viene incontro a qualcuno gli presta meriti non suoi, quando invece gli volta le spalle lo priva dei suoi


10 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Frequentate la gente in modo tale che se morite piangano per voi e se vivete vi amino


11 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando vinci un tuo nemico, ebbene perdonalo in segno di gratitudine a Dio per averlo vinto


12 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La pi incapace delle persone chi non sa trovare amici, e ancor pi incapace chi non sa mantenere le amicizie


13 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando vi giungono i preludi dei doni, non allontanatene da voi il seguito ringraziando poco chi ve li concede


14 - :
E Alì (pace su di lui) disse: A colui che abbandonato da chi gli vicino, destinato laiuto di chi gli lontano


15 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non si possono biasimare tutte le persone che sono state ingannate [poich alcune di loro potrebbero non avere colpa]


16 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Le cose sono così sottomesse ai destini che [a volte] il rimedio porta alla morte


17 - :
E Alì (pace su di lui) disse riguardo a coloro che sastennero dal combattere al suo fianco: Hanno abbandonato il vero e non hanno aiutato il falso


18 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi corre fra le briglie delle proprie brame, cade nella morte


19 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Considerate con indulgenza gli errori dei virtuosi, poich nessuno di loro erra senza che la mano di Allah sia nella sua, e lo alzi!


20 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La paura stata accostata alla disperazione, la timidezza alla privazione, e le occasioni passano come il passare delle nuvole. Cogliete dunque le buone occasioni!


21 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi lha rallentato il suo agire, non laccelerer il suo lignaggio


22 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Fra le espiazioni dei peccati grandi v il soccorrere lo sventurato e il consolare lafflitto


23 - :
E Alì (pace su di lui) disse: O figlio di Adamo, quando vedi il tuo Signore (che puro ed immune da qualsiasi colpa e difetto) mandarti uno dopo laltro i Suoi doni mentre tu Lo disubbidisci, ebbene, temiLo!


24 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Nessuno cela nulla senza manifestarlo nelle parole che gli sfuggono di bocca e che gli traspaiono sul viso


25 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Conciliati con la tua malattia finch essa si concilia con te


26 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La migliore astinenza nascondere lastinenza


27 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando tu vai indietro e la morte viene avanti quanto rapido lincontro!


28 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi compie il bene migliore del bene stesso, e chi compie il male peggiore del male stesso


29 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Sii generoso e non essere prodigo [dissipatore]! Sii moderato nello spendere e non essere avaro!


30 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La pi nobile ricchezza labbandono del desiderio


31 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi prolunga il desiderio, guasta lazione


32 -
E Alì disse a suo figlio Ĥasan (pace su di loro): O figliuol mio, apprendi da me quattro cose pi quattro, assieme alle quali, checch tu faccia, non ne avrai danno. In verit, la pi ricca dovizia lintelletto, la pi grande povert linsipienza, il pi tremendo terrore la vanit, il pi nobile lignaggio lindole buona. O figliuol mio, guardati dal fare amicizia con lo stolto, ch, in verit, egli vuole recarti vantaggio, ma ti danneggia. E guardati dal fare amicizia con lavaro, ch, in verit, egli tabbandona nel momento in cui ne hai pi bisogno. E guardati dal fare amicizia con il dissoluto, ch, in verit, egli ti vende per poco. E guardati dal fare amicizia col mendace, ch, in verit, egli come il miraggio: tavvicina il lontano e tallontana il vicino


33 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non v alcun merito negli atti supererogatori quando nuocciono agli atti obbligatori


34 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La lingua del saggio dietro il cuore, e il cuore dello stolto dietro la sua lingua Dice il Rađiyy: E questo un mirabile e nobile concetto, che significa che, in verit, il saggio non parla senza prima essersi consultato ed aver riflettuto, mentre lo stolto, le parole che gli sfuggono di bocca, precedono il ricorso al pensiero e la riflessione. Perciò come se la lingua del saggio seguisse il suo cuore, e il cuore dello stolto seguisse la sua lingua


35 -
In unaltra tradizione troviamo lo stesso concetto espresso con parole diverse: Il cuore dello stolto nella sua bocca, e la lingua del saggio nel suo cuore, e le due citate sentenze hanno lo stesso significato.


36 -
E disse (A), ricordando Ķabbāb Bin Alaratt: Che Allah benedica Ķabbāb Bin Alaratt: accettò lIslam desideroso, ed emigrò ubbidiente, e saccontentò del sufficiente, e fu soddisfatto di Allah, e visse combattente sulla via di Allah


37 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Beato chi ricorda la resurrezione, e agisce per la resa dei conti, e saccontenta del sufficiente, ed soddisfatto di Allah


38 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Se colpissi il naso del credente con questa mia spada affinch mi odi, non mi odierebbe, e se riversassi i beni del mondo sul munāfiq [falso credente] affinch mi ami, non mi amerebbe, e ciò perch fu predestinato, e scorse sulla lingua del Profeta Illetterato (che la pace e la benedizione di Allah sia su di lui e sulla sua famiglia) che disse: O Alì, nessun credente ti odia, e nessun munāfiq ti ama


39 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Una cattiva azione che ti rattrista migliore, presso Allah, di una buona azione che tinsuperbisce


40 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il valore delluomo nella misura dellelevatezza dei suoi propositi, e la sua sincerit nella misura della sua virt, e il suo coraggio nella misura della sua astinenza, e la sua castimonia nella misura del suo onore


41 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La vittoria si raggiunge con la previdenza, la previdenza con il pensiero, e il pensiero mantenendo i segreti


42 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Guardatevi dallimpeto del nobile quando affamato, e del vile quando sazio


43 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I cuori degli uomini sono [come gli animali] selvatici: simpatizzano con chi li lega a s


44 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il tuo difetto coperto finch il mondo tarride


45 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I pi degni di perdonare sono i pi capaci di punire


46 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La generosit quel donare che viene prima della richiesta, mentre quel donare che viene preceduto da una richiesta, ebbene, vergogna e fuga dal biasimo


47 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non v ricchezza pari al senno, e non v povert pari allinsipienza, e non v eredit pari alleducazione, e non v ausiliatore pari alla consultazione


48 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Vi sono due tipi di pazienza: pazienza di fronte a ciò che detesti, e pazienza di fronte ai disagi derivanti dallastensione da ciò che ami


49 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La ricchezza in terra straniera patria, e la povert in patria terra straniera


50 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La parsimonia un bene che non finisce mai


51 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I beni sono la fonte delle passioni


52 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi tammonisce come chi ti d lieta novella


53 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La lingua una belva: se la lasci libera morde!


54 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando vieni salutato, ricambia con un saluto migliore, e quando ti viene mandato un regalo, ricambialo con uno migliore, ma sappi che il merito di chi agisce per primo


55 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lintercessore lala di colui che chiede


56 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Le genti del mondo sono come dei viaggiatori condotti in istato di sonno


57 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La perdita degli amici lontananza dalla patria


58 - :
E Alì (pace su di lui) disse: È pi facile perdere ciò di cui si ha bisogno che chiederlo alla persona sbagliata


59 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non vergognarti di donare il poco, ch, in verit, privare ancor di meno


60 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La dignit il fregio della povert, e la gratitudine il fregio della ricchezza


61 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Se non ciò che vuoi, ebbene, non dare importanza, comunque tu sia


62 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non vedi linsipiente se non in eccesso o in difetto


63 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando lintelletto si completa, le parole diminuiscono


64 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il tempo consuma i corpi, rinnova le speranze, avvicina la morte, e allontana i desideri; chi lo consegue si stanca, e chi lo perde soffre


65 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi si nomina guida della gente, deve iniziare ad istruire se stesso prima distruire il prossimo, e deve educarlo con la propria condotta prima di educarlo con la propria lingua, e chi istruisce ed educa se stesso pi degno dessere elogiato di chi istruisce e educa la gente


66 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I respiri delluomo sono i suoi passi verso la morte


67 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Tutto ciò che può essere contato destinato a finire, e tutto ciò che viene atteso destinato a giungere


68 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, quando le cose si confondono, ne si valuta la fine con linizio


69 -
Đirār Bin Ĥamzaħ Bin Ađ-đabãiyy andò da Muºāwiyaħ, e questi gli chiese del Principe dei Credenti, ed egli disse: Ebbene attesto di averlo visto in alcune sue stazioni, quando la notte aveva gettato il velo delle sue tenebre, ritto nel suo miĥrāb, con la barba in mano, agitato come la persona morsa da un serpente, piangente come lafflitto, dicente: O mondo, o mondo, stai lontano da me! Ti offri a me?! O hai brama di me? Non mi avrai mai! Lungi da me! Inganna altri! Io non ho bisogno di te! Tho ripudiato tre volte, senza alcuna possibilit di ritorno! La tua vita breve, poca la tua importanza, e vile il tuo desiderio. Ahi dolor della scarsit del viatico, e della lunghezza della via, e della lontananza del viaggio, e della grandezza della meta!


70 -
E quando un Siro gli chiese: Il nostro cammino verso la Siria stato deciso e predestinato da Allah?, pronunciò un lungo discorso, del quale abbiamo scelto quanto segue: Guai a te! Sembra che tu abbia creduto che sia decreto necessario e predestinazione certa! Se fosse stato così la mercede di Allah e la Sua punizione sarebbero state vane, e la Sua promessa e la Sua minaccia si sarebbero estinte. In verit Allah (che puro ed immune da ogni colpa e da qualsiasi difetto) d ordini ai Suoi servi lasciandoli liberi di scegliere, e li inibisce mettendoli in guardia, e assegna loro doveri facili, e non ha assegnato doveri difficili, e d molto in cambio del poco, e nessuno stato costretto a disubbidirLo, e nessuno stato forzato ad ubbidirLo, e non ha inviato i Profeti per gioco, e non ha fatto discendere il Libro ai Suoi servi inutilmente, e non ha creato invano i cieli e la terra e ciò che v fra essi: Questa lopinione di coloro che sono diventati miscredenti. Guai dunque a coloro che sono diventati miscredenti, contro il Fuoco!


71 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Prendi la saggezza ovunque essa sia, ch, in verit, a volte la saggezza nel petto del munāfiq [falso credente], e si agita nel suo petto finch non esce, e va a dimorare dai suoi compagni, nel petto del credente


72 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La saggezza il prezioso tesoro perduto del credente, prendi dunque la saggezza, quandanche provenga dai falsi credenti


73 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il valore dogni uomo [nella misura di] ciò che può fare bene.


74 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Vi raccomando cinque cose, che se per conseguirle colpiste le ascelle del cammello, sarebbe di certo opportuno. Nessuno di voi deve sperare se non nel suo Signore, e non deve temere che i suoi peccati, e nessuno di voi deve vergognarsi, quando gli viene chiesto ciò che non sa, di dire: Non so, e nessuno di voi deve vergognarsi, quando non sa una cosa, dimpararla. E vi raccomando la pazienza, ch, in verit, la pazienza rispetto alla fede come la testa rispetto al corpo, e non v alcun bene in un corpo con cui non v testa alcuna, e nemmeno in una fede con cui non v pazienza alcuna


75 -
E disse ad un uomo che esagerò nel lodarlo, mentre dentro di s lo accusava: Io sono al di sotto di ciò che dici, e al di sopra di ciò che v in te


76 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I sopravvissuti alla spada sono pi durevoli come numero e maggiori come prole


77 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi abbandona la frase non so, giungeranno i luoghi della sua uccisione


78 - : .
E Alì (pace su di lui) disse: Lopinione del vecchio m pi cara del valore del giovane. E si narra anche: della presenza del giovane sul campo di battaglia


79 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Mi meraviglio di chi dispera mentre può chiedere perdono a Dio


80 - : . :
Ed Abū Jaºfar, Muĥammad Bin Aliyy, Al-bāqir, pace su di loro, raccontò che il santo Alì disse: Sulla terra vi sono due ripari dal castigo di Allah, uno dei quali stato tolto, prendete dunque laltro ed aggrappatevi ad esso. Il riparo che stato tolto il Messaggero di Allah, che Allah benedica e doni pace a lui e alla sua Famiglia. Il riparo rimasto invece listiġfār. Allah Altissimo dice: E Allah non intende castigarli mentre tu sei fra di loro, e Allah non sar loro castigatore mentre essi sono mustaġfirīn


81 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il faqīh, quello perfetto, colui che non fa disperare la gente della misericordia di Allah, non li fa disperare della grazia di Allah, e non li rassicura contro limprovviso castigo di Allah


82 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, questi cuori si stancano, come si stancano i corpi, cercate dunque per essi le deliziose sentenze


83 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Linfima conoscenza quella che resta sulla lingua, e la suprema quella che si manifesta nelle membra e negli organi del corpo


84 - :
E gli fu chiesto: Che cos il bene, ed egli rispose: Il bene non consiste nellavere molti beni e un gran numero di figli, il bene avere molte conoscenze e una grande pazienza, acquistare gloria fra la gente adorando il Signore, ringraziare Iddio quando si compie una buona azione, e chiedere il Suo perdono quando si compie una cattiva azione. Il mondo buono solo per due persone: chi ha peccato e vuole emendarsi pentendosi, e chi impegnato a compiere celermente buone azioni


85 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Nessuna azione poca insieme al timor di Dio, e come potrebbe essere poco ciò che viene accettato da Allah


86 - :
E un giorno Alì (pace su di lui) sentì la voce di un uomo appartenente ai Ķawārij mentre pregava e recitava il Corano. Disse allora: Un sonno [fatto da un vero credente che si fonda] su certezza meglio di una preghiera [eseguita da un falso credente] in dubbio


87 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Meditate lo ĥadīŝ quando lo sentite, per mettere in pratica, non per riferire, ch, in verit, molti sono i narratori della scienza, e pochi [invece] coloro che la mettono in pratica


88 -
E un giorno sentì un uomo dire: Innā li-Llāh wa innā ilayhi rājiºūn, e disse: In verit il nostro dire: Innā li-Llāh una confessione contro noi stessi del possesso [che Allah ha di noi], e il nostro dire: Wa innā ilayhi rājiºūn una confessione contro noi stessi del [fatto che tutti noi siamo destinati a] perire


89 -
E dopo che della gente lo lodò al suo cospetto, disse: O Allah, in verit Tu sei pi sciente di me riguardo a me stesso, ed io sono pi sciente di loro riguardo a me stesso. O Allah, rendici migliori di quanto essi pensano, e perdonaci quello che essi non conoscono


90 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La soddisfazione delle necessit della gente non si realizza se non con tre cose: considerarla piccola affinch diventi grande, celarla affinch si manifesti, e affrettarla affinch sia piacevole


91 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Arriver un tempo in cui non sar rispettato se non il delatore, non sar amato se non il perverso, e non sar considerato debole se non lonesto. In quellepoca la gente considerer lelemosina un danno, il rispetto dei vincoli di sangue un favore, e ladorazione un mezzo per prevalere sugli altri. In quellepoca si governer consigliandosi con le donne, facendo comandare i fanciulli e facendo provvedere gli eunuchi


92 -
LImam aveva addosso una veste vecchia e rattoppata. Fu allora interrogato riguardo ad essa, ed egli disse: A causa di essa il cuore diventa umile e lanima sammansisce, ed essa serve da esempio ai credenti. In verit, il mondo e laldil sono due nemici diversi fra di loro, due strade divergenti, così, chi desidera ed ama il mondo aborrisce e odia laldil. Essi sono come loriente e loccidente, e luomo come chi cammina fra questi due: ogni volta che si avvicina ad uno sallontana dallaltro! Essi sono come due mogli di uno stesso uomo [non vanno mai daccordo]!


93 -
E Alì (pace su di lui) disse: Gli uomini non abbandonano nulla del loro aldil per emendare il proprio mondo senza che Allah metta loro davanti qualcosa di pi dannoso


94 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ben pi dun dotto stato ucciso dalla sua ignoranza, e la sua scienza con lui senza però giovargli


95 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Noi siamo il punto dappoggio medio: ad esso suniscono coloro che sono rimasti indietro, e ad esso ritornano coloro che hanno trasceso


96 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non esegue lordine di Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto) se non chi non transige, non si piega e non segue i desideri


97 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando il bene domina sullepoca e sulla sua gente, poi un uomo sospetta di un altro dal quale non s palesato alcun peccato, ebbene, in verit, ha commesso ingiustizia. E quando invece il male domina sullepoca e sulla sua gente, e un uomo ha buona opinione del prossimo, ebbene inganna se stesso


98 -
E gli fu detto: Come ti troviamo, o Principe dei Credenti?. Disse dunque: Come può essere lo stato di chi sannulla con la sua esistenza, sammala con la sua salute, e gli giunge la morte dal suo rifugio


99 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In merito a me si sono rovinati due tipi di uomini: lamico che trascende e il nemico acerrimo


100 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Perdere loccasione [motivo di] afflizione


101 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il mondo come il serpente, che morbido al tatto, ma nel suo ventre v il veleno letale. Lignorante inconsapevole sappassiona ad esso, e il perspicace savio se ne tiene lontano


102 -
E Alì (pace su di lui) disse: Esiste grande differenza fra queste due azioni: unazione il cui piacere se ne va e le cui conseguenze negative rimangono, e unazione la cui fatica se ne va e la cui mercede rimane


103 -
E partecipando a unesequie sentì un uomo ridere, e disse: È come se la morte fosse stata scritta per altri diversi da noi, ed come se la verit fosse stata prescritta per altri diversi da noi, ed come se i morti che vediamo fossero dei viandanti che presto ritorneranno a noi. Li mettiamo nelle loro tombe e consumiamo la loro eredit, come se fossimo eterni dopo di loro. Abbiamo poi dimenticato ogni consigliere e consiglio, e siamo stati colpiti da ogni grave disgrazia e male distruttore


104 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Beato chi piccolo presso se stesso, puro il suo guadagno, retto il suo intimo, buono il suo carattere, elargisce il sovrappi dei suoi beni, si astiene dal parlare invano, non fa del male alla gente, gli basta la sunnaħ, e non introduce alcuna bidaħ [innovazione] nella religione


105 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, definirò lIslam come mai nessuno lha mai definito prima di me. LIslam sottomissione, la sottomissione certezza, la certezza attestazione, lattestazione ammissione, lammissione senso di responsabilit, e il senso di responsabilit azione


106 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi neglige nellagire cade in afflizione, e Allah non bada a chi nei cui beni e nella cui vita non v alcuna parte per Allah


107 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Proteggetevi dal freddo al suo inizio [in autunno], ed accoglietelo alla sua fine, ch, in verit, [il freddo] fa con i corpi quello che fa con gli alberi: il suo inizio dissecca, e la sua fine fa spuntare le foglie


108 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La magnificenza del Creatore presso di te, rende piccola la creatura ai tuoi occhi


109 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, Allah ha un angelo che ogni giorno grida: Generate per la morte, raccogliete per lannientamento, e costruite per la distruzione!


110 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il mondo una dimora di passaggio, non una dimora di permanenza, e in esso la gente si divide in due gruppi: coloro che in esso hanno venduto se stessi e si sono rovinati, e coloro che hanno comprato se stessi e si sono liberati


111 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lamico non amico finch non ricorda il proprio fratello in tre momenti: quando questi viene colpito da sventura, in sua assenza, e dopo la sua morte


112 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La preghiera avvicina ogni timorato a Dio, e lo ĥajj il jihād di ogni debole, e per ogni cosa v una zakāħ [decima], e la zakāħ del corpo il digiuno, e il jihād della donna essere una buona moglie per il proprio marito


113 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Fate discendere il sostentamento divino facendo la carit


114 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi certo della mercede generoso nel donare


115 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lausilio discende nella misura del bisogno


116 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi moderato nello spendere non diviene mai bisognoso


117 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Una famiglia poco numerosa uno dei due agi


118 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Laffetto met intelletto


119 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lafflizione met vecchiaia


120 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La pazienza discende nella misura della disgrazia, e chi si dimostra impaziente nel momento della disgrazia, perde la propria mercede


121 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Molti sono i digiunanti che dal proprio digiuno non traggono che fame e sete, e molti sono coloro che vegliano, che dalla propria veglia non traggono che perdita di sonno e stanchezza. Quanto buono il dormire e il mangiare dei perspicaci!


122 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Salvaguardate la vostra fede con la carit, proteggete i vostri beni con la zakāħ, e respingete i flutti della sventura con la prece


123 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Luomo nascosto sotto la sua lingua [finch non parla i suoi difetti e i suoi pregi rimangono nascosti]


124 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Luomo che non conosce il proprio valore si rovina


125 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Per ogni uomo v una fine, sia essa dolce o amara


126 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ogni cosa che viene incontro un giorno volter le spalle, e ciò che volta le spalle come se non fosse mai esistito


127 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La persona paziente non perde la vittoria, quandanche tardi a venire


128 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Colui che assente ad un atto compiuto da alcuni, come chi partecipa ad esso con loro, e chiunque partecipa ad unazione iniqua commette due peccati, uno perch la commette ed uno perch assente al suo compimento


129 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Rispettate i patti, soprattutto quando avete a che fare con persone onorevoli e fedeli ai patti


130 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ubbidite Colui che non avete la scusa di non conoscere


131 - :
E Alì (pace su di lui) disse: V stata mostrata la verit, se solo vedeste! E siete stati guidati, se solo amaste essere guidati! E v stata fatta sentire la verit, se solo ascoltaste!


132 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Biasima il tuo fratello di fede beneficandolo, e storna il suo male dimostrandoti generoso nei suoi confronti


133 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi si mette in condizione dessere calunniato, non biasimi allora chi sospetta di lui


134 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi conquista il potere tiranneggia


135 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi ostinato si rovina, e chi si consiglia coi maggiorenti sassocia ai loro intelletti


136 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi cela il suo segreto, larbitrio [sempre] nelle sue mani


137 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La povert la massima morte


138 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Colui che rispetta i diritti di chi non rispetta i suoi, ebbene, in verit, lo adora


139 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non lecito ubbidire a nessuna creatura quando tale ubbidienza porta a disubbidire al Creatore


140 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non si biasima luomo che indugia a prendersi ciò che gli spetta di diritto, si biasima invero colui che si prende ciò che non gli appartiene


141 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La vanit impedisce il progresso


142 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Laldil vicino, e la dimora in questo mondo breve!


143 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Il mattino chiaro per coloro che possiedono due occhi in grado di vedere


144 - :
E Alì(pace su di lui) disse: È pi facile abbandonare il peccato che chiedere venia a Dio


145 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Quante volte un pasto ne impedisce altri!


146 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La gente nemica di ciò che non conosce


147 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi va incontro alle opinioni altrui, riconosce i casi dellerrore


148 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi, per la causa di Allah, acumina la punta della lancia dellira sua, trova forza per uccidere i capi della miscredenza


149 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Quando hai molta paura di una cosa, ebbene, buttati in essa, ch, in verit, la difficolt dello stare in guardia da essa maggiore della difficolt di sopportare ciò che temi


150 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La sopportazione lo strumento del comando


151 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Punisci il peccatore premiando il probo


152 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Mieti il male dal petto degli altri estirpandolo dal tuo


153 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La pervicacia fiacca il pensiero


154 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La cupidigia schiavit eterna


155 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Il frutto della negligenza il pentimento, e il frutto della lungimiranza la salute


156 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Di due inviti [scuole, dottrine] che discordano uno sempre in errore


157 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Non ho mai dubitato della verit da quando m stata mostrata


158 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Non ho mai mentito e non m stata detta alcuna menzogna [tutto ciò che il sommo Profeta mha detto verit], e non ho mai errato e nessuno mai ha errato a causa mia


159 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Colui che inizia a fare ingiustizia, domani [il Giorno del Giudizio] si morder le mani


160 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La dipartita [da questo mondo] vicina!


161 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi soppone alla verit, perisce!


162 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi non lo salva la pazienza, lo rovina limpazienza


163 - :
E Alì(pace su di lui) disse: O figlio dAdamo, tutto ciò che guadagni oltre il tuo pane quotidiano, lo accumuli per gli altri


164 - :
E Alì(pace su di lui) disse: In verit, per i cuori v passione, desiderio e rifiuto. Venite dunque ad essi dalla parte della loro passione e del loro desiderio, ch, in verit, il cuore, quando viene costretto, diventa cieco!


165 - :
E Alì(pace su di lui) diceva: Quando madiro, in quale momento devo spegnere la mia ira? Quando non ho il potere di vendicarmi, a che mi si dica: Se pazienti meglio? O quando ne ho il potere, a che mi si dica: Se perdoni meglio?


166 - : . :
E Alì(pace su di lui), passando accanto ad un immondezzaio, disse: Questo ciò di cui gli avari sono stati avari. In unaltra tradizione si narra che egli disse: Questo ciò che vi disputavate ieri


167 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Non se ne va dai tuoi beni ciò che ti consiglia


168 - :
E Alì(pace su di lui), quando sentì il motto dei Ķawārij, che dicevano: Lā ĥukma illā li-l-Lāh [Non v signoria che per Allah], disse: Parola vera con la quale si mira ad una falsit


169 - :
E Alì(pace su di lui), quando gli portarono un criminale accompagnato da unaccozzaglia di gente spregevole, disse: Che la benedizione non sia su dei volti che non si vedono se non presso ogni sorta di male


170 - :
E Alì(pace su di lui) disse: In verit, con ogni essere umano vi sono due angeli che lo proteggono, ma quando giunge la sorte, lo abbandonano ad essa, e il termine, la durata della vita delluomo, invero uno scudo protettore


171 - :
E quando Ţalĥaħ


172 - :
E Alì(pace su di lui) disse: O gente, temete Allah, il Quale, se dite qualcosa, sente, e se celate, sa. E preparatevi per la morte, che se fuggite da essa, vi raggiunge, se vi fermate vafferra, e se la dimenticate essa invero non vi dimentica


173 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Non ti inibisca dal fare del bene lingratitudine di chi non ti ringrazia, ch, in verit, ti ringrazia Chi non trae alcun vantaggio da esso, ed ottieni dalla gratitudine del Grato pi di ciò che ha rovinato lingrato, e Allah ama i benfici


174 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La capacit di ogni recipiente diminuisce man mano che viene riempito, ad eccezione di ciò che contiene la scienza, che pi lo riempi e pi si espande


175 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La prima cosa che il mite ottiene in cambio della sua mitezza, che la gente lo aiuta contro linsipiente


176 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Se non sei mite, renditi simile ai miti, ch, in verit, sono pochi coloro che si rendono simili a della gente e non vengono ad appartenere ad essa


177 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi valuta se stesso, guadagna, chi dimentica se stesso, perde, chi teme Iddio, si salva, chi trae insegnamento diventa perspicace, chi diventa perspicace comprende, e chi comprende diventa sapiente


178 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La vanit delluomo uno deglìnvidi del suo intelletto


179 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Sopporta le difficolt e i dolori, e sarai sempre pago


180 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi possiede una buona indole ha molti amici


181 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Il dissidio distrugge il pensiero


182 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi venuto in possesso di qualche ricchezza, diventato ribelle


183 - :
E Alì(pace su di lui) disse: È nelle tribolazioni che possibile conoscere lessenza degli uomini


184 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Linvidia dellamico segno dunamicizia malata


185 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Gli intelletti cadono per lo pi sotto i bagliori delle brame


186 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Non giusto giudicare le persone fidate basandosi sui sospetti


187 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La peggiore provvista per la resurrezione, fare ingiustizia ai servi di Dio


188 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Uno dei pi nobili atti del generoso, che esso finga di non sapere ciò che sa


189 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La gente non vede il difetto di colui al quale la verecondia ha vestito il suo abito


190 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Mi meraviglio di quanto glinvidi siano inconsapevoli della propria salute fisica [ch, in verit, linvidia fa ammalare luomo]


191 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Lavido nei ceppi della vilt


192 -
E fu interrogato a proposito delle fede, e disse: La fede conoscere col cuore, ammettere con la lingua, e agire con gli organi del corpo


193 - : . :
E Alì(pace su di lui) disse: La parsimonia basta come regno, e la bont di carattere come dono. E fu interrogato a proposito del seguente versetto coranico: ebbene, lo vivificheremo a pura e buona vita, e disse: Questa vita la parsimonia


194 -
E Alì(pace su di lui), a proposito del seguente versetto coranico: Il verit, Allah ordina lo ºadl e liĥsān, disse: Lo ºadl la giustizia e liĥsān la munificenza


195 - :
E Alì disse a suo figlio Ĥasan (pace su di loro): Non invitare nessuno a combattere, e se tinvitano a combattere, ebbene, accetta, ch, in verit, colui che invita a combattere empio, e lempio comunque vinto


196 - :
E gli fu detto: Descrivici il savio, ed egli (pace su di lui) disse: Il savio colui che pone ogni cosa al suo giusto posto. Gli fu allora detto: Descrivici linsipiente, ed egli disse: Gi fatto!Dice il Rađiyy: Ciò significa che linsipiente colui che non pone le cose al loro giusto posto


197 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Giuro su Allah che questo vostro mondo, ai miei occhi, pi vile dellosso di un maiale nella mano dun lebbroso


198 - :
E Alì(pace su di lui) disse: In verit alcuni adorano Iddio per brama [del Paradiso], e questo il culto dei mercanti, e alcuni Lo adorano per paura [dellInferno], e questo il culto degli schiavi, altri invece Lo adorano per gratitudine, e questo il culto dei nobili


199 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Chi ubbidisce allignavia, calpesta i diritti [della gente], e chi ubbidisce alla spia, distrugge le sue amicizie


200 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La pietra usurpata nelledificio di una casa, pegno della sua rovina Dice il Rađiyy: Questa sentenza stata attribuita anche al Profeta (S), e non bisogna stupirsi che la parola di Alì assomigli a quella del Profeta, ch, in verit, esse derivano da ununica fonte


201 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Il giorno della vendetta delloppresso sulloppressore ben pi duro del giorno in cui loppressore opprime loppresso


202 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Devi avere timore di Allah, anche se [questo timore] poco, e devi creare tra te ed Allah un velo, anche se [questo velo] sottile


203 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Quando le risposte saffollano [diventano tante e confuse], il vero rimane nascosto


204 - :
E Alì(pace su di lui) disse: In verit, Allah ha un diritto in ogni dono [che elargisce]. Ebbene, a colui che rispetta tale diritto Egli elargisce maggiori doni, chi invece lo trascura rischia di perdere i Suoi doni


205 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Quando aumenta il potere diminuisce la passione


206 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Guardatevi dalla fuga dei doni divini, ch, non tutto ciò che fugge ritorna


207 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La munificenza crea pi affetto della parentela


208 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Conferma lopinione di chi pensa bene di te!


209 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La migliore delle azioni quella che ti forzi di compiere


210 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Ho conosciuto Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto) attraverso la revoca delle decisioni, lo scioglimento dei nodi, e la contraddizione delle volont


211 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Le amarezze del mondo sono le dolcezze dellaldil, e le dolcezze del mondo sono le amarezze dellaldil


212 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Allah ha prescritto la fede per purificare dallo širk; la şalāħ [preghiera rituale] per purificare dalla superbia; la zakāħ [decima islamica] affinch sia causa di sostentamento; il şiyām [digiuno rituale] per mettere alla prova la devozione della gente; lo ĥajj [pellegrinaggio rituale alla Mecca] per confermare la Religione; il jihād per la gloria dellIslam; lordinare il bene per emendare il popolo; il vietare il male per inibire gli stolti; il rispetto della parentela affinch [con essa] saccresca il numero [dei parenti]; il qişāş [taglione] per tutelare il sangue [la vita degli uomini]; lesecuzione delle pene per esaltare le proibizioni divine; lastensione dal vino per salvaguardare lintelletto; lastensione dal furto per preservare lintegrit [delle mani]; lastensione dalladulterio per salvaguardare la parentela; lastensione dalla sodomia per accrescere la progenie; la testimonianza per rivendicare i diritti negati; lastensione dalla menzogna per onorare la sincerit; il saluto come rifugio dal timore e dal pericolo; lonest per salvaguardare lordine della nazione [islamica]; lubbidienza per magnificare limamato


213 - :
E Alì(pace su di lui) disse: O figlio di Adamo, sii esecutore testamentario di te stesso riguardo ai tuoi beni! Fai oggi di essi ciò che vorresti che se ne facesse dopo di te!


214 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Lirascibilit una sorta di follia, poich lirascibile si pente, e se non si pente, allora la sua follia ben solida


215 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La salute del corpo figlia della poca invidia


216 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Quando diventate poveri, ebbene, negoziate con Allah tramite lelemosina


217 - :
E Alì(pace su di lui) disse: La lealt con gli sleali slealt presso Allah, e la slealt con gli sleali lealt presso Allah


218 - :
E Alì(pace su di lui) disse: Molti sono coloro che vengono colti alla sprovvista con la grazia che ricevono, e coloro che sinsuperbiscono perch sono stati coperti loro i peccati, e coloro che rimangono ingannati perch sono stati lodati. E Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto) non ha mai provato nessuno con prova pari al concedergli tempo


219 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il compagno del re come colui che cavalca il leone: gli altri glinvidiano la sua posizione, ma lui conosce meglio in quale pericolosa posizione si trova


220 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Beneficate i parenti della gente defunta, affinch la gente benefichi i vostri dopo la vostra morte


221 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit le parole dei dotti, quando sono giuste, sono una medicina, e quando sono sbagliate, sono un morbo


222 - :
E Alì (pace su di lui) disse: O figlio di Adamo, non imporre al giorno in cui sei il cruccio di un giorno che non t ancora giunto, poich se apparterr ai giorni della tua vita, in esso Allah ti dar il tuo sostentamento


223 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ama il tuo amico con moderazione, poich possibile che un giorno diventi tuo nemico, e odia il tuo nemico con moderazione, poich possibile che un giorno diventi tuo amico


224 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non fate della vostra scienza ignoranza, e della vostra certezza dubbio: quando sapete dovete agire, e quando acquistate certezza dovete procedere!


225 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il poco che continui con gioia ti dona pi speranza del tanto del quale ti annoi


226 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Trascurate gli atti supererogatori quando danneggiano quelli obbligatori


227 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi ricorda la lunghezza del Viaggio, si prepara!


228 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il pensare non come il vedere con gli occhi: a volte gli occhi mentono, ma lintelletto non inganna mai chi gli chiede consiglio


229 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Fra voi e i consigli v un velo dincoscienza


230 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I vostri insipienti sono attivi e i vostri sapienti sono ignavi


231 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La consapevolezza toglie ogni scusa a coloro che cercano pretesti


232 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Tutti quelli che hanno esaurito il loro tempo, chiedono tempo, e tutti quelli a cui stato concesso del tempo, indugiano e negligono


233 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La gente a nulla disse: beato!, se non che il fato gli serbò una brutta fine


234 -
E fu interrogato sul destino, e disse: È una via tenebrosa, non percorretela, un mare profondo, non immergetevi in esso, il segreto di Allah, non affaticatevi!


235 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando Allah spregia un Suo servo, gli nega la sapienza


236 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Se Allah non avesse minacciato di punire chi Gli disubbidisce, sarebbe lo stesso stato obbligatorio non disubbidirGli come segno di gratitudine per i Suoi doni


237 - :
E Alì (pace su di lui), accanto tomba del Messaggero di Allah (pace e benedizione su di lui e sulla sua Famiglia), nel momento della sua sepoltura, disse: Di certo pazientare bello, ma non riguardo alla tua dipartita, e di certo essere impazienti brutto, ma non riguardo alla tua perdita, e di certo la disgrazia del tuo trapasso assai grande e difficile, e, in confronto ad essa, piccole sono le disgrazie venute prima di te e quelle che verranno dopo di te


238 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non frequentare lo stolto, poich esso ti fregia le sue azioni, ed ama che tu sia come lui


239 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I tuoi amici sono tre, e altrettanti sono i tuoi nemici. I tuoi amici sono: il tuo amico, lamico del tuo amico, e il nemico del tuo nemico. I tuoi nemici sono: il tuo nemico, il nemico del tuo amico, e lamico del tuo nemico


240 - :
E Alì (pace su di lui) disse a un uomo che vide sforzarsi di recar danno al proprio nemico danneggiando però se stesso: Tu sei come colui che si trafigge con una lancia per uccidere chi seduto a cavallo dietro di lui


241 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Molti sono gli insegnamenti, ma poco si trae insegnamento!


242 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi eccede nellinimicizia, pecca, e chi neglige in ciò, viene oppresso, e chi si dimostra iniquamente ostile verso gli altri non in grado di temere Allah


243 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non maffligge un peccato dopo il quale mi viene dato il tempo di eseguire due rakºaħ di preghiera e chiedere salute ad Allah


244 - : . : . : . :
E fu chiesto ad Alì (pace su di lui): Come fa Allah a valutare loperato di tutte queste creature?, ed egli (pace su di lui) disse: Nello stesso modo in cui le sostenta. E fu detto: Come fa a valutare il loro operato senza che esse Lo vedano?, ed egli (pace su di lui) disse: Nello stesso modo in cui le sostenta senza che esse Lo vedano


245 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il tuo messaggero il delegato del tuo intelletto, e la tua lettera la pi eloquente cosa che parla per conto tuo


246 - : ی
E Alì (pace su di lui) disse: Il bisogno che ha colui che caduto in forte sventura di supplicare Iddio, non maggiore di quello della persona sana che al sicuro dalla sventura


247 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Gli uomini sono figli della terra, e non si può biasimare un uomo perch ama la propria madre


248 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit il povero linviato di Dio, ebbene, chi lo respinge, respinge Dio, e chi gli dona qualcosa, la dona a Dio


249 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Un uomo dotato di onore non commette mai adulterio!


250 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Basta il momento prestabilito per la morte come custode [ossia, finch non giunge lora del trapasso, nulla può provocare la morte delluomo]


251 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Luomo dorme tranquillamente quando perde un figlio, ma perde il sonno quando gli vengono rubati i beni


252 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lamicizia dei padri parentela fra i figli, e il bisogno che ha la parentela dellamicizia maggiore del bisogno che ha lamicizia della parentela


253 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Temete i sospetti dei credenti, ch, in verit, Iddio Altissimo ha posto la verit sulle loro lingue


254 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La fede di un servo di Dio non sincera se non quando egli pi sicuro di quello che v presso di Lui che di quello che v presso se stesso


255 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, i cuori a volte vengono incontro e a volte voltano le spalle. Ebbene, quando vengono incontro induceteli a compire gli atti supererogatorii, e quando voltano le spalle limitatevi a compiere gli atti obbligatorii


256 - :
E Alì (pace su di lui) disse: E nel Corano v notizia di ciò che avvenne prima di voi e di ciò che avverr dopo di voi, e in esso vi sono i precetti dei quali necessitate


257 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Fate ritornare la pietra da dove venuta, ch, in verit, il male, non lo respinge che il male!


258 - :
E Alì (pace su di lui) disse al suo scrivano ºUbaydu-l-Lāh Bin Abī Rāfiº: Metti del cotone nel calamaio, allunga la punta della penna, lascia spazio fra le righe, e diminuisci lo spazio fra le lettere, ch, in verit, tutto ciò abbellisce la scrittura


259 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Io sono la guida dei credenti, mentre i beni e gli averi di questo mondo sono la guida dei perversi


260 -
E alcuni giudei gli dissero: Non avevate ancora sepolto il vostro profeta, che discordavate fra di voi riguardo a lui. Disse allora Alì (pace su di lui): Noi abbiamo dissentito su ciò [le raccomandazioni] che abbiamo ricevuto da lui, non su di lui! Voi invece, dopo aver attraversato il mare, mentre i vostri piedi non serano ancora asciugati, diceste al vostro profeta: dacci un dio, come per essi vi sono di, ed egli disse: In verit, voi siete gente ignorante


261 - :
E gli fu detto: Con che cosa vincesti i tuoi rivali?, ed egli (pace su di lui) disse: Non mi battei con nessun uomo se non che egli maiutò contro se stesso Dice il Rađiyy: LImam con ciò vuole dire che la sua maest sannidava nei cuori dei suoi rivali, ed essi ne venivano soggiogati


262 - :
E Alì (pace su di lui) disse a suo figlio Muĥammad Bin Al-ĥanafiyyaħ: O figliuolo, in verit io temo per te la miseria, rifugiati dunque in Allah contro di essa, ch, in verit, la miseria danneggia la fede, turba la mente, e crea inimicizia


263 - :
E Alì (pace su di lui) disse ad un uomo che gli fece una domanda complicata: Chiedi per capire, non per molestare, ch, in verit, lignorante che studia simile al sapiente, mentre il sapiente disonesto simile allignorante pretestuoso


264 -
ºAbdu-l-Lāh Bin ºAbbās espresse ad Alì (pace su di lui) il suo parere su una questione, ma egli non concordò con lui, e disse: Tu hai il diritto di esprimermi la tua opinione, ed io ho il diritto di meditare su di essa e di decidere. Ma sappi che se la mia decisione sar contraria alla tua opinione, ebbene, tu dovrai ubbidirmi!


265 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Astenetevi dal disubbidire ad Allah quando siete soli, ch, in verit, il Testimone [dei peccati che commettete in segreto] [anche] il Giudice [di essi]!


266 - :
E Alì (pace su di lui), quando ricevette la notizia delluccisione di Muĥammad Bin Abī Bakr, disse: La nostra tristezza per la sua perdita pari alla loro [dei suoi uccisori] gioia per la sua uccisione: hanno eliminato un loro nemico, e ci hanno privato di un amico


267 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Let fino alla quale Allah accetta le scuse del figlio dAdamo sessantanni


268 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non vince chi lo vince il peccato, e chi vince col male, in realt vinto


269 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto) ha posto il cibo dei poveri nei beni dei ricchi, e nessun povero patisce la fame se non a causa di ciò di cui ha goduto un ricco, e Iddio chieder loro conto di ciò


270 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non aver bisogno di scuse cosa pi nobile dello scusarsi sinceramente


271 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il minimo dovere che avete nei confronti di Allah, non servirvi dei Suoi doni per peccare


272 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit, Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto), ha fatto dellubbidienza un bottino per i perspicaci, dove i deboli negligono


273 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il sovrano giusto la guardia di Allah sulla Sua terra


274 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Se il servo [di Dio] potesse vedere il periodo della sua vita e la sua fine, aborrirebbe la speranza e la sua lusinga


275 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ogni uomo ha due soci nei suoi beni: lerede e gli accidenti


276 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La persona alla quale viene chiesta una cosa libera finch non promette


277 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi predica senza mettere in pratica quello che dice, come larciere senza frecce


278 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La sapienza di due tipi, quella che si mette in pratica e quella che si sente con gli orecchi, e questultima non reca alcun beneficio quando non viene messa in pratica


279 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lopinione giusta accompagna i governi: viene con essi e va via con essi


280 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La dignit il fregio della povert, e la gratitudine il fregio della ricchezza


281 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il giorno in cui liniquo dovr rendere conto della sue ingiustizie, sar ben pi duro del giorno in cui egli fa ingiustizia alloppresso


282 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La massima ricchezza disperare di avere ciò che nelle mani della gente


283 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lincapacit di commettere peccati una forma dinnocenza


284 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il tuo onore come il ghiaccio: lo scioglie il domandare. Guarda dunque presso chi lo sciogli!


285 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La lode eccessiva adulazione, mentre la scarsa lode disagio o invidia


286 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I pi gravi peccati sono quelli che vengono considerati leggeri da chi li commette


287 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Luomo iniquo ha tre elementi distintivi: fa ingiustizia ai suoi superiori disubbidendo loro, e ai suoi subordinati soverchiandoli, e sostiene la gente ingiusta


288 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando le difficolt raggiungono la loro massima intensit, giunge il sollievo, e quando si restringono gli anelli della sventura, giunge la requie


289 - :
E Alì (pace su di lui) disse ad un suo compagno: Non dedicare la maggior parte del tuo tempo alla tua famiglia e ai tuoi figli, poich se essi sono amici di Allah, ebbene, in verit, Allah non abbandona i Suoi amici, mentre se sono nemici di Allah, perch dovresti crucciarti e spendere tempo per i nemici di Allah?


290 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il massimo difetto che tu biasimi un difetto che v anche in te


291 - : . :
291 In presenza di Alì (pace su di lui) un uomo fece ad un altro gli auguri per la nascita di un figlio, dicendo: Auguri per la nascita di questo prode cavaliere!. Alì (pace su di lui) disse allora: Non dire così, ma di: Ringrazia il Munifico, e auguri per ciò che Egli ti ha donato, possa egli crescere, e possa tu giovarti della sua rettitudine!


292 - :
E uno dei suoi governatori costruì una sfarzosa dimora, ed egli (pace su di lui) disse: Le monete doro e dargento si sono dunque fatte vedere! Questo edificio denuncia la tua ricchezza!


293 - : . :
E fu detto ad Alì (pace su di lui): Se si rinchiudesse un uomo in casa sua, e lo si abbandonasse in essa, da dove gli giungerebbe il sostentamento?, ed egli (pace su di lui) rispose: Da dove gli giunge la morte!


294 - :
E Alì (pace su di lui) fece le condoglianze ai parenti di un defunto dicendo: In verit questo fatto [la morte] non iniziò da voi, e non finir in voi. Sicuramente questo vostro amico a volte viaggiava, ora, consideratelo in uno dei suoi viaggi, così, se ritorner, bene, se no sarete voi a raggiungerlo!


295 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non considerare cattive le parole pronunciate da qualcuno quando puoi considerarle buone


296 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi ci tiene al proprio onore deve astenersi dal venire a diverbio con la gente


297 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Affrettarsi prima di avere il potere di fare qualcosa, e negligere dopo il presentarsi dunopportunit, sono due comportamenti da insipiente


298 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non chiedere di ciò che non esiste, ch ciò che esiste sufficiente a tenerti occupato


299 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il pensiero uno specchio nitido, e il trarre insegnamento dalle esperienze passate ammonitore consigliere, e per educarti ti sufficiente astenerti da ciò che aborrisci per gli altri


300 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La sapienza legata allazione, e chi davvero sa, agisce, ch la sapienza chiama lazione, ebbene, se risponde, rimane con essa, se no si diparte da essa


301 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto) ha stabilito la mercede per premiare lubbidienza e il castigo per punire la disubbidienza, per salvare così i Suoi servi dalla Sua ira, e trarli al Suo Paradiso


302 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In verit il vero pesante ma dolce, mentre il falso leggero ma pestifero


303 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lavarizia il ricettacolo di tutti i vizi, ed una briglia che trascina luomo ad ogni sorta di male


304 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non dire ciò che non sai, anzi, non dire tutto quello che sai, ch, in verit, Allah ha imposto dei doveri a tutti gli organi del tuo corpo, con i quali argomenter contro di te il Giorno del Giudizio


305 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Bada a non farti trovare presente da Allah dove viene disubbidito, e a non farti trovare assente dove devessere ubbidito, ch saresti dei perdenti, e quando sei forte sii forte nellubbidire ad Allah, e quando sei debole sii debole nel disubbidire ad Allah


306 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Confidare nel mondo, con ciò che vedi di esso, insipienza; trascurare di agire rettamente, quando sei sicuro della mercede che merita il retto agire, scapito; fidarsi di chiunque, prima di metterlo alla prova, impotenza


307 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Per rendersi conto di quanto vile il mondo presso Allah, sufficiente considerare che Egli non viene disubbidito se non in esso, e che non si raggiunge ciò che v presso di Lui se non abbandonandolo


308 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi cerca una cosa lottiene, od ottiene almeno una parte di essa


309 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Un bene dopo il quale v il Fuoco, in realt non un bene, e un male dopo il quale v Paradiso, in realt non un male, ed ogni dono in confronto al Paradiso esiguo, ed ogni disgrazia in confronto al Fuoco salute


310 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Sappiate che la miseria una disgrazia, e la malattia del corpo peggio della miseria, e la malattia del cuore peggio di quella del corpo. Sappiate che temere Iddio nel cuore dona salute al corpo


311 - : . :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi tenuto indietro dalla propria condotta, non sar portato avanti dal suo lignaggio. E in unaltra tradizione leggiamo: A chi privo di meriti, non gioveranno i meriti dei suoi padri


312 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Sii astinente in questo mondo affinch Allah ti apra gli occhi ai suoi difetti, e non essere ignaro, poich tu non sei ignorato!


313 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Parlate e sarete conosciuti, ch, in verit, luomo nascosto sotto la sua lingua


314 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Prendi del mondo ciò che ti giunge, e volta le spalle a ciò che ti volta le spalle, e se non fai ciò, sforzati in modo ragionevole e legittimo nel cercare il mondo


315 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Spesso una parola pi efficace dunaggressione


316 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ogni cosa della quale taccontenti, bastevole


317 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Che buon profumo il muschio! È leggero da portare e ha un buon odore


318 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Smettila di vantarti, non essere superbo, e ricorda la morte!


319 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il figlio ha un diritto nei confronti del padre e questi nei confronti del figlio. Il diritto del padre nei confronti del figlio che questi deve ubbidirlo in ogni cosa salvo nei casi in cui ubbidendolo disubbidisce ad Allah (che puro ed immune da ogni colpa e difetto). Il diritto del figlio nei confronti del padre che questi deve dargli un buon nome e una buona educazione, e deve insegnargli il Corano


320 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La iettatura, il servirsi delle forze soprannaturali, la magia e il buon augurio sono tutte cose vere ed esistenti, mentre il cattivo augurio e il contagio superstizioso sono cose false ed inesistenti, e il buon profumo, il miele, il cavalcare ed il guardare la verzura, sono tutte cose che guariscono le malattie e donano gioia e letizia


321 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Lessere in armonia con lindole della gente, un rifugio contro la loro inimicizia e il loro odio


322 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi si occupa di pi cose contemporaneamente, viene abbandonato dalle astuzie


323 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quanto buona lumilt mostrata dai ricchi dinanzi ai poveri in vista della mercede divina, e pi buona di essa lorgoglio mostrato dai poveri dinanzi ai ricchi a causa dellassegnamento che essi fanno su Dio


324 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Iddio non ha depositato lintelletto in nessun uomo se non per salvarlo con esso un giorno


325 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi sazzuffa con la verit, essa lo atterra


326 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il cuore il libro dellocchio


327 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il timor di Dio il capo delle virt


328 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non usare mai la tua lingua contro chi ti ha insegnato a parlare, e leloquenza del tuo verbo contro chi ti ha insegnato loratoria


329 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Per educarti ti sufficiente astenerti da ciò che aborrisci per gli altri


330 - :
E Alì (pace su di lui) disse: [Nelle disgrazie] o bisogna essere pazienti come lo sono gli uomini nobili, oppure bisogna essere indifferenti come lo sono gli stolti


331 - :
E in unaltra tradizione leggiamo che Alì (pace su di lui) fece le condoglianze ad Ašºaŝ Bin Qays per la perdita del figlio, dicendogli: O pazienta come pazientano gli uomini nobili, oppure sii indifferente come lo sono le bestie


332 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La saggia pazienza [come] una famiglia


333 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Povero figlio dAdamo! Incerta lora della sua morte, occulte le sue malattie, custodite le sue azioni, lo molesta il moscerino, lo uccide un sorso dacqua, e il sudore lo rende maleodorante


334 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ti basti del tuo intelletto il suo distinguere per te le vie dellerrore da quelle della salvazione


335 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La saggia pazienza un velo che copre e lintelletto una spada che taglia, copri dunque i difetti del tuo carattere con la saggia pazienza, e uccidi le tue passioni con lintelletto


336 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Iddio ha dei servi ai quali ha elargito doni speciali affinch gli altri Suoi servi ne traggano vantaggio, ed per questo motivo che finch essi ne fanno dono agli altri, Iddio li lascia nelle loro mani, ma se si dimostrano avari, Egli li toglie ad essi e li d ad altri Suoi servi


337 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non giusto che il servo di Dio si rassicuri con due cose, la salute e la ricchezza, poich mentre lo vedi in salute dun tratto sammala, e mentre lo vedi ricco dun tratto diventa povero!


338 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi esprime un suo bisogno a un credente, ebbene, come se lavesse espresso a Dio, e chi lo esprime ad un miscredente, ebbene, come se si fosse lamentato di Dio


339 - :
E Alì (pace su di lui) disse in un giorno di festa: Oggi festa solo per chi Allah ha accettato i suoi digiuni e ha premiato le sue preghiere, e ogni giorno in cui non si disubbidisce ad Allah festa


340 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ricordate linterrompersi dei piaceri e il permanere delle conseguenze


341 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Metti alla prova un uomo e diventerai suonemico


342 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I pi degni ad essere generosi sono coloro attraverso i quali vengono conosciuti i generosi


343 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Spesso il sonno notturno distrugge le decisioni diurne


344 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Le cariche sono dei cimenti per gli uomini


345 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Nessuna citt per te meglio delle altre. La migliore citt quella che taccetta


346 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il poco che dura meglio del tanto che stanca


347 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Quando vedete in un uomo una virt, ebbene, aspettatevi di vedere anche le sorelle di tale virt


348 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi esercita il commercio senza conoscere le norme islamiche [relative al commercio], ebbene, affonda nellusura


349 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi ingrandisce le piccole sventure, Allah lo far cadere in quelle grandi


350 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Chi ama se stesso, spregia le sue passioni


351 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Ad ogni scherzo che luomo fa, perde parte del proprio intelletto


352 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La tua indifferenza verso chi ha inclinazione per te, dimostra che tu non riesci a trarre completo vantaggio dallamicizia, mentre la tua inclinazione per chi indifferente verso di te, ti umilia


353 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La ricchezza e la povert si manifesteranno solo quando le nostre azioni verranno presentate ad Allah


354 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Zubayr fu sempre uno di noi Ahlu-l-bayt, finch il suo infausto figlio Abdu-l-Lāh non crebbe


355 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Luomo e la superbia?! Allinizio seme e alla fine cadavere, non riesce a sostentarsi da s n ad allontanare da s la morte


356 - : .
E gli fu chiesto: Chi il migliore dei poeti?, ed egli (pace su di lui) disse: I poeti non hanno seguito tutti uno stesso metodo, e non si sono misurati fra di loro, e non dunque possibile determinare il migliore di loro, ma se proprio si costretti a rispondere a questa domanda, ebbene, bisogna dire: Il Re Traviato. Con ciò lImam intende Imrau-l-qays


357 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Esiste forse un uomo nobile disposto a lasciare questo boccone masticato [il mondo] alla sua [del mondo] gente? In verit, le vostre anime non hanno altro prezzo che il Paradiso, non vendetele dunque per meno!


358 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Esistono due affamati che non si saziano mai: colui che cerca la sapienza, e colui che cerca i beni e i piaceri del mondo


359 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il provvedimento così sottomesso al destino che [a volte] il rimedio porta alla sventura


360 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La saggia pazienza e la calma sono gemelli generati dallelevatezza di propositi


361 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La maldicenza il massimo sforzo dellinetto


362 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Molti sono coloro che vengono ingannati dagli elogi


363 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il mondo stato creato per cosa diversa da esso, non per se stesso


364 - :
E Alì (pace su di lui) disse: In merito a me si rovinano due tipi di uomini: lamico che esagera [nellamarmi] e il calunniatore che [mi] calunnia


365 - :
E Alì (pace su di lui) fu interrogato sullunicit e sulla giustizia divina, e disse: Lunicit consiste nel non immaginarLo, e la giustizia nel non accusarLo


366 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Non v alcun bene nel tacere la verit, come non v certamente alcun bene nel parlare senza sapere


367 - :
E Alì (pace su di lui) disse: La mercede di colui che combatte e cade martire sulla via di Allah, non pi grande di quella di chi può peccare ma si astiene dal peccato: una sì casta persona quasi un angelo!


368 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Il peggior peccato quello che viene considerato piccolo da chi lo commette


369 - :
E Alì (pace su di lui) disse: Iddio non s fatto promettere dagli ignoranti che apprendano la sapienza, senza prima farsi promettere dai sapienti che la insegnino


370 - :
E Alì (pace su di lui) disse: I peggiori fratelli sono quelli per i quali ti scomodi